FORT APACHE, Italia

21 agosto 2010

Comincio a pensare che dopo “Igiene psicosomatica”, “Culi e tette” e “Mal di schiena”, almeno per quanto riguarda il mio Blog, un’altro paio di paroline magiche in Rete sia proprio rappresentato da questo titolo: “FORT APACHE”.

Non avrei mai pensato che scrivere qualcosa inerente a quell’argomento che ha riguardato il periodo del mio Servizio Militare obbligatorio svolto in Sardegna, avrebbe avuto un numero di lettori così importante.

Tant’è vero che ho montato appositamente un articolo pieno di molte vecchie foto in bianco e nero di quella “storia”.

A giudicare dal numero delle visite sul mio sito, quando ho parlato della Caserma di Macomer, è come se ¾ dell’Italia fossero passati da quell’angolo sperduto dell’Isola per far la naja, come si dice volgarmente, ed il loro cervello, con una certa nostalgia, fosse rimasto marchiato a fuoco per sempre da quella esperienza di vita, anche se loro lì ci sono rimasti solo, a differenza di me, solo per il trimestre del C.A.R.

In effetti io il marchio l’ho ricevuto, volente o nolente, non lo nego e nemmeno me ne vergogno, anzi, quasi quasi dico grazie!

Purtroppo quando mi è capitato di vivere quell’esperienza, per limiti solo miei non ero in grado di coglierne gli aspetti più essenziali, veri, positivi ed altamente formativi, che hanno comunque profondamente inciso sulla mia natura.

Da “figlio di papà” mi sono trovato mio malgrado scaraventato in una realtà veramente cruda e dura di gente che non aveva mai avuto vita veramente facile e che cercava di arrangiarsi come poteva, attenzione, non sto parlando solo delle burbette del C.A.R. (Centro Addestramento Reclute) ma anche e soprattutto dei Quadri che ci comandavano (sbattuti lì, molti di loro e anche se non tutti, per punizione o simili) e che ci riversavano adosso con il loro comportamento ansie, scontentezze, frustrazioni e quella famosa durezza che non è certo una componente essenziale di un metodo formativo ma solo l’espressione più viva e pesante dei propri problemi interiori e delle relative carenze.

Tempo addietro, avendo io accettato in tutt’altro contesto, una carica socialmente abbastanza importante, ero partito col massimo entusiasmo per ritrovarmi nel giro già di qualche settimana sommerso da critiche e impedito da ostruzionismi e perle del genere proprio da parte di chi mi aveva scelto e pubblicamente votato.

E non certo perché l’avessi deluso col mio comportamento, no, solo perché questo è il SISTEMA.

Infatti il mio predecessore mi aveva ironicamente avvisato: … sino a che non “puccerai” il musino nella cacca … non potrai capire …

E aveva perfettamente ragione, provare, appunto, per credere e bando alle teorie e alle fantasie.

Io a Macomer ho perlappunto pucciato il muso imberbe in quella cosa là che non sa proprio di violette, ma non me ne rammarico, anzi, ringrazio il Cielo che quell’esperienza mi abbia aperto gli occhi con tanta decisione e chiarezza.

Un saluto affettuoso quindi a chi mi è stato compagno d’arme e a chi con me, o prima, o dopo di me, e come me ha condiviso le gloriose stellette e le mostrine biancorosse della Brigata Sassari.

Annunci

8 Risposte to “FORT APACHE, Italia”

  1. antonio Says:

    Ho fatto il militare a Macomer. 12 mesi ottava compagnia,armaiolo. 3 mesi a Sesto Fiorentino a conseguire il diploma di armaiolo.

    • curlilriccio Says:

      Non mi hai detto in quali anni, cmq sicuramente anche tu ti sarai fatto una bella esperienza!
      Io, la mia, ora la ricordo quasi acon affetto, ma ti assicuro che cinquant’anni fa è stata veramemnte dura.
      Sassari !!!

    • curlilriccio Says:

      Spero tu abbia trovato le foto di Fort Apaches da me là eseguite e pubblicate qui in qualche post …sono sempre un ricordo, ciao!

  2. cambru Says:

    1°44 1965-66 Caporal Maggiore nella 8° compagnia Cap.Gaetano Novello

  3. Marco Says:

    Condivido pienamente, anch’io ho passato là un’anno nell’85 e non solo il CAR. Potrei considerarlo una sorta di imprinting e lo ricordo con grande nostalgia..

  4. antonio Says:

    ho fatto 15 mesi a macomer nel 1970. Dopo il car mi hanno mandato a sesto fiorentino per il corso di armiere poi sono rientrato e ho avuto l’incarico dell’ armeria 7m. compagnia.

  5. Antonio S. Says:

    Arrivato il 6 ottobre 1970 8^ Compagnia. Solo CAR. Ricordo l’istruttore Caporale D’Amico, pugliese. Che esperianza! Antonio S.


  6. 9/1/66-16/04/67 prima 7a comp- poi plotone comando-
    Sicuramente ci conosciamo
    ambrogianigiancarlo@hotmail.it


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: