CALCOLI e COLICHE RENALI e CIOCCOLATO

18 ottobre 2011


   Dato che la maggior parte delle vostre ricerche, anche sul mio Blog, sono orientate per fare un po’ di giusta chiarezza sui problemi correlati ai reni ed alle coliche renali, mi permetto di trascrivere pari pari un estratto scientifico che tratta con molta chiarezza alcuni termini dell’argomento e di cui vi consiglio di far tesoro.

   Vi evidenzio solo la necessità di far attenzione al consumo di cioccolato, non quello fondente, quello di tutti gli altri tipi, che non può e non deve assolutamente eccedere da piccole quantità “RANDOM” nella vostra dieta, anche se si tratta di un prodotto commestibile molto buono e particolarmente bersaglio di ogni tipo di golosità.

   Ricordate: cioccolato al latte=PERICOLO.

   Ed eccovi il testo promesso.

   “ … Il ruolo della dieta nella comparsa dei calcoli renali non è ancora stato pienamente chiarito.

   Quel che è certo è che nessun tipo di calcolosi può essere ricondotto unicamente ad un’alimentazione scorretta.

   Il più delle volte alla base del problema esiste infatti una predisposizione di origine genetica.    

   Per questo motivo non può esistere una dieta precisa ed universale per evitare che si formino i calcoli.

   Un’unica raccomandazione trova un consenso unanime da parte di medici e ricercatori: per evitare la formazione di calcoli renali è fondamentale mantenere idratato l’organismo assumendo le giuste quantità di liquidi con la dieta.

   CARNE e CALCOLI RENALI : alcuni studi hanno dimostrato che una dieta ricca di carne conduce più frequentemente ad una calcolosi renale.

   A causa dell’eccessivo consumo di proteine l’urina diviene più acida ed aumenta la quota d’eliminazione di ossalati, calcio e acido urico, mentre si abbassa quella dei citrati (sostanze che impediscono la precipitazione di questi sali).

    Nel caso vi sia una predisposizione a calcoli renali di origine calcica, mista (ossalico-calcica) e soprattutto urica (accumulo di acido urico) vanno limitati tutti quegli alimenti ricchi di purine come: acciughe, aringhe, sardine, crostacei, fegato, animelle, rognoni, cuore, selvaggina, oche e piccioni. Va invece incoraggiata l’assunzione di alcalinizzanti urinari come il citrato di potassio o il bicarbonato di sodio.

   Essendo ricchi di metionina (un aminoacido precursore della cistina) i prodotti ricchi di proteine andrebbero limitati anche in presenza di calcoli renali di origine cistinica.

   SALE e CALCOLI RENALI : una dieta ricca di sale (non del Sale Himalayano, quello fa un caso a parte, ndr.) aumenta l’escrezione urinaria di calcio favorendo la formazione dei calcoli renali.

   Per questo motivo e per evitare altre spiacevoli condizioni (ipertensione, sovrappeso, osteoporosi) si consiglia di non assumere più di 8 grammi di sale al giorno.

   In particolare è bene fare attenzione a snack e cibi confezionati in genere che sono fonti “nascoste” ma molto importanti di sodio.

   CALCIO E CALCOLI RENALI : il ruolo del calcio nella formazione dei calcoli renali è stato da sempre oggetto di numerosi studi e ricerche.    

   Oggi si è giunti alla conclusione che una dieta ricca di calcio non solo non predispone alla calcolosi delle vie urinarie ma la previene riducendo l’assorbimento di acido ossalico.

   Viene perciò raccomandato un apporto giornaliero di 1200 mg di calcio di cui 800 mg forniti da latticini.

   Un eccesso di ossalato si è invece dimostrato particolarmente dannoso in quanto fattore predisponente alla formazione di calcoli (specie se accompagnato ad un ridotto consumo di liquidi).

   L’ossalato è ubiquitario (si trova un po’ dappertutto), ma alcuni alimenti ne sono particolarmente ricchi:  CIOCCOLATA, nocciole,  coca-cola e  bevande  gassate in genere, succhi di frutta, the,cavoli, piselli, asparagi, spinaci, rabarbaro.

   Bisogna comunque sottolineare che in caso di iperproduzione fisiologia di ossalato, ridurre il consumo di questi alimenti previene sì i calcoli renali, ma lo fa soltanto in maniera marginale.

   Ciò che conta, ancora una volta, non è tanto l’introduzione complessiva di ossalati quanto la relativa quantità di liquidi presenti nella dieta.

   DOLCI E CALCOLI RENALI : un consumo smisurato di zuccheri con la dieta, aumenta l’eliminazione di calcio nell’urina e, di conseguenza, il rischio che si formino dei calcoli.

   Inoltre alcuni ingredienti tipici dei dolci (cacao) sono particolarmente ricchi di ossalato.

   FIBRE E CALCOLI RENALI : in presenza di calcolosi delle vie urinarie è consigliata una dieta ricca di scorie in quanto l’acido fitico contenuto negli alimenti di origine vegetale (verdura, frutta e cereali integrali) si lega con il calcio formando composti insolubili e non assorbibili.

   Frutta e verdura aumentano inoltre l’eliminazione di citrati, sostanze molto efficaci nell’impedire la formazione dei calcoli.

   Per questo motivo il succo di limone, che contiene circa il 5-7% di acido citrico, è l’alimento ideale per chi soffre di calcoli renali.

   POTASSIO E CALCOLI RENALI : secondo alcuni Autori gli alimenti ricchi di  potassio (fagioli, albicocche, piselli, patate, aglio e frutta secca) ridurrebbero l’escrezione urinaria di calcio senza interferire con l’assorbimento intestinale dello ione.

   VITAMINA D E CALCOLI RENALI : un eccesso di vitamina D nella dieta, peraltro difficilmente realizzabile con la sola alimentazione, favorisce l’assorbimento intestinale di calcio causando ipercalcemia (eccesso di calcio nel sangue) e ipercalciuria (eccesso di calcio nelle urine).

   Tale evenienza potrebbe verificarsi in un paziente che assume regolarmente integratori di calcio e vitamina D per combattere o prevenire l’osteoporosi.

   VITAMINA C E CALCOLI RENALI : anche un eccesso di vitamina C nella dieta favorirebbe la sintesi di calcoli renali a causa dell’aumentata produzione di ossalati.

   Si tratta anche in questo caso di un’ipotesi difficilmente realizzabili date le enormi quantità di vitamina C necessarie (10 g).

   Tali livelli sono praticamente irraggiungibili con la normale alimentazione (anche se integrata da multivitaminci).

   ACQUA, CALCIO E CALCOLI RENALI : più che la qualità è importante valutare la quantità di acqua e più in generale di liquidi assunti con la dieta (brodo, tisane, succhi di frutta, etc).

   Le persone predisposte ai calcoli renali dovrebbero pertanto sforzarsi di bere abbondantemente e ripetutamente nel corso della giornata (almeno 2 litri di acqua).

   In caso di predisposizione individuale o per prevenire future recidive tale quota va aumentata fino a 3 litri (IDROPINOTERAPIA).

   In generale più che la quantità complessiva di liquidi è importante adattare l’apporto idrico alla situazione ambientale.

   Il controllo visivo dell’urinazione è un esame molto semplice che il paziente può effettuare per controllare il proprio stato di idratazione.    

   In particolare le urine non devono mai apparire troppo scure o concentrate, dato che tale caratteristica aumenterebbe il rischio di formare calcoli renali.

   Per allontanare il rischio di calcolosi delle vie urinarie è molto importante che la quantità di liquidi venga suddivisa equamente nell’arco della giornata, bevendo un pò d’acqua anche prima di coricarsi.

   Vanno invece evitate alcune bevande come il the concentrato (ricco di ossalati), coca cola (molto acida) ed alcolici (innalzano i livelli d’escrezione dell’acido ossalico e dell’acido urico).

   Nonostante alcuni studi abbiano dimostrato che anche le acque minerali ricche di calcio possono costituire un fattore protettivo, in presenza di calcolosi si consiglia l’utilizzo di acque minimamente mineralizzate che, in quanto povere di sali minerali, favoriscono la diuresi e facilitano l’espulsione di piccoli calcoli renali.

   QUALCHE ALIMENTO CONSIGLIATO :

   LIMONE : l’acido citrico in esso contenuto ha potere solvente sui calcoli renali facilitandone lo scioglimento ed impedendone la formazione

   CIPOLLA : ha un potente effetto diuretico e favorisce l’eliminazione dell’acido urico

   PREZZEMOLO : Stimola l’appetito e la digestione, favorisce la diuresi eliminando piccoli calcoli renali

   SEDANO : ha proprietà  diuretiche, con un’efficace azione drenante sul fegato e sulle vie respiratorie; è pertanto utile in caso di calcoli renali ed insufficienze epatiche

   CARCIOFO, CAVOLO, MELA E ORTICA : aumentano l’escrezione di urina… “

 

   Auguri !!!

 

Advertisements

2 Risposte to “CALCOLI e COLICHE RENALI e CIOCCOLATO”

  1. Giovanni Says:

    Ciao,
    molto interessante questo articolo.
    Ho saputo che tra i rimedi naturali per la calcolosi renale http://www.calcolirenali.com/rimedi-naturali/ vi è il limone! Cosa ne dite? E’ vero o solo una falsa speranza?

    • curlilriccio Says:

      Pensa che se al posto di un limone, definito da molti dietologi un toccasana soprattutto contro la vecchiaia, e ti assicuro che di differenze biochimiche ce ne sono proprio poche, inizi a nutrirti quotidianamente di pompelmo, se i tuoi reni sono casualmente sensibili in senso negativo a quel frutto, puoi incorrere in coliche renali estremamente dolorose e pericolose.
      Ma vedi, la capocchia dei problemi di reni, risiede esclusivamente nel tuo organismo e in come lui e solo lui accetta o rifiuta individualmente certi connubi alimentari o certi cibi per liui, ma solo per lui, decisamente off limits.
      Il saggio dietista e nefrologo competente dopo aver fatto qualche prova empirica può consigliarti nel modo più corretto.
      In ogni caso i problemi renali trovano solo molto raramente soluzioni alimentari valide per tutti o altrettanto pericolose sempre in senso lato.
      Ed è proprio in questo che si dimostra l’estrema difficoltà nel reperire diete sicuramente sicure per i sofferenti di reni, sempre in conseguenza al fatto che di bravi nefrologi non ce ne sono molti. comunque, mai dimenticarsi che noi siamo, tristemente, ciò che mangiamo, quindi … attenti al lupo.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: