SIAMO IN UNA BOTTE DI FERRO: Draghi dice che le Banche italiane possiedono capitali solidi: che se li tengano stretti per giocare alle belle statuine?

19 febbraio 2013

bo

   Post lunghissimo, ma poi me ne rimarrò zitto sino a Lunedì prossimo, promesso, perlomeno su questi discorsi.

   Anche se la mia, tra tanti professionisti con la tromba da fanfara puntata al cielo, è solo una striminzita ed asfittica  “vox clamans in deserto”, la Gente, ben divisa in due schiere, ormai è solo preoccupata di prestare la sua attenzione a ben altro: o di arrivare a fine mese o, amletico dubbio esistenziale, quale bancomat scegliere per andare a fare shopping e se con uno invece che con tre gorilla di scorta, sempre a nostre spese, non si sa mai, e, problema ancor più grosso, se col Suv regalato dagli amici “giusti” di papà o con l’Auto Blu in prestito, quindi, forse, farei molto meglio a cercare perlomeno di far sorridere chi non ne ha più né forza né voglia.

   Invece, forse è proprio giunto il momento che TUTTI MOSTRINO SENZA TIMORE i denti, ma non lamentandosi a vuoto, facendo ripicche col “passare al vecchio nemico” per fare un dispetto a chi pensano che li abbia traditi, certe cose andrebbero valutate con molta cautela, o anche solo negandosi senza andare a votare.

   Una verità emergente è che TUTTI i nostri Politici, Monti compreso, hanno bene chiaro in testa cosa c’è che non va e che andrebbe affrontato di petto invece che voltarsi da un’altra parte, diciamo verso il Centro Europa, amata seconda casa, per non essere moralmente costretti a dar retta a vere priorità di casa Italia come ai disastri socio-economici in cui si è fatta rovinare mezza Nazione: altro che baratro europeo, è inutile, non ci sono scuse, gli errori di valutazione commessi sono stai pacchiani e degni chi parla, parla, ma più che parole ….

   Gira e rigira se ci sono 80 cose su 100 che proprio non vanno e non sono più procrastinabili, solo un cretino oggi promulga un programma senza tenere conto (a parole) di tutto, certo, ci perderebbe la faccia una volta di più, poi, in quanto a mantenere … o a “NON riuscire” a mantenere le promesse fatte, grazie anche a chi preferisce agitare la propria bandiera di un altro colore  piuttosto che pensare a far fronte unico per il bene comune del Paese … coraggio, lavorate un po’ anche di fantasia e di buona volontà, oltre che puntare il dito accusatore.

   E a giudicare da come tutta questa gente sa come amministrare i propri interessi, di cretini in giro ne sono rimasti veramente pochi, nessuno mette in dubbio la loro intelligenza, semmai gli interrogativi vertono su altre loro qualità profondamente umane e molto poco divine.

   Il problema emergerà a votazioni concluse e responsabilità assegnate quando affioreranno come tante “tortine” organiche allo sbocco di una fogna tutti gli impedimenti motivati solo da questioni di bandiera e di odi atavici ed insanabili.

   Che vergogna …

   TUTTI sarebbero bravi, se lo volessero veramente, a comportarsi come si deve SOPRATTUTTO una volta eletti o anche se lasciati come l’altro piatto della bilancia che pende un po’ più in basso ma che deve impedire eccessi e risanare equilibri, anche tirando un po’ d’acqua al proprio mulino, non ci vedo nulla di male, è solo una questione di misura e di onestà, basta che questo serpente si decida a fare la muta da adulto una volta per tutte.

   A che serve, per imbonirsi maggiormente una platea, cavarsi la giacchetta prima di iniziare a parlare in Pubblico, tenere braccio cagnolini dal muso che induce tenerezza, o non tagliarsi barba e capelli per mostrarsi “impegnati”?

   Ma chi ci crede ancora all’effetto di certe cornici?

   Se il quadro che ci sta dentro è una crosta, crosta rimane a prescindere dai cazzabubboli da cui lo si presenta infiorato.

   Come fa ad esempio una persona sicuramente molto intelligente come il Professor Monti, tra l’altro maestro di “misura”, a continuare a ripeterci perché non ci scordiamo quanto è stato bravo, che senza il suo celestiale e supremo aiuto “saremmo caduti nel baratro” tutti (tutti chi, poi? Noi forse, Gente come lui no di certo).

  E poi, almeno a me, un biennio a Ingegneria e 5 anni in Bocconi hanno insegnato che i numeri hanno delle valenze non assolute ma dipendono molto da chi li gestisce … quando ci sono uomini di mezzo.

   “Cadere nel baratro …”

   Ottima perifrasi, diventata un cliché pubblicitario di grande effetto (secondo lui e pochi altri) ossessivamente ripetitiva come la pubblicità di un Gestore telefonico o del Mulino Bianco, ma come tutte le cose su cui si insiste oltre ad un certo limite chiamato buon gusto, rivela la sua natura di format troppo tirato per le corna da un uomo uguale o migliore o peggiore di tanti altri, chi se ne frega ormai, questo è solo un dettaglio, ma che purtroppo ha avuto il bastone del comando in mano (e che venga il badecco a chi glielo ha dato di sua iniziativa autarchicamente personale) e che ben sapeva che si trattava di un “contratto a termine” ma proprio lui che è contro al Posto Fisso non mostra alcuna intenzione di mollare il colpo, ed è convinto di essere l’unico, l’infallibile, l’ineguagliabile, il supremo.

   Senza di Me il Diluvio!…..

   Io, Io, Io, Io, Io, Io, Io, Io, Io ………………… che palle ! 

   Noi viviamo nel Terzo Millennio ma il Professor Monti vive da sempre nell’Isola dei Maggiorenti capaci solo a comandare e logicamente ben cementato nella sua turrita visione settecentesca ed oligarchica dello Stato: chi impartisce direttive e chi esegue, chi sgarra dai dettami del suo Vangelo, pollice verso senza alcuna pietà, anche se ci si aspetterebbe qualcosa di diverso da lui che si presenta come un Porporato latore di garanzie e di comportamenti sociali veramente differenti (bisogna vedere cosa lui intende per “differenti”).

   Ma come credere in questo grande Amore improvviso per tutta la Gente amministrata quando tutti, vedenti o ciechi volontari, hanno la dimostrazione tangibile delle sue recenti e meno recenti frequentazioni con chi della Sovranità della Nazione Italiana si fa un baffo al coglione sinistro?

   E lui e soci, tutti insistono, sempre in seconda riga, sulla parola Equità che però loro con i loro “provvedimenti, sono stati i primi a non rispettare soprattutto quando hanno pianificato nuovi progetti di tassazione.

   Non chiedetemi perché, lo sapete di già tutti chi in quell’occasione è diventato stranamente trasparente, o meglio, invisibile sulle “liste di proscrizione …”.

   Quando comunque il Prof. servitore di più Padroni non proprio di Casa, insiste con quel ritornello che sa molto di chi ti vuole presentare il conto di qualcosa, pensa forse di esser sempre dietro a quella cattedra e che stiamo attendendo tutti il Verbo dalle sue labbra, come i suoi alunni al primo giorno di Università in cui, almeno sino a quella data, logicamente lo vedono come Dio.

   O forse pensa anche che non abbiamo ancora capito il significato letterale di quel che si affanna a ripetere senza un attimo di respiro stando ben affacciato, ma senza sporgersi troppo, come è suo costume, da tutte le finestre che trova aperte, oppure … oppure lui è veramente il Grande Custode della Verità, e quasi quasi potremmo proporlo nemmeno come Presidente della Repubblica ma addirittura come nuovo successore di Pietro, visto che sta diventando vacante anche quel Posto.

   Ma forse in quelle Vesti perderebbe tutti i suoi privilegi attuali e con i lupi mannari veri che si troverebbe attorno in quel contesto particolare, non so se si rivelerebbe della statura necessaria per tirar diritto solo con le proprie convinzioni e comunque dovrebbe render conto in ben altra misura delle proprie iniziative.

   In ogni caso tanta prosopopea non gli converrebbe: il gregge delle vacche di Stato da mungere, non è certo agguerrito come quello dei Porporati in Conclave, che da parte sua non gli concederebbero molta corda come ha fatto un anno fa quella pletora di dinosauri politici per mille e uno motivi derivanti dai timori personali di vedersi scomparire il pavimento sotto ai piedi …

   E tutti, chi più, chi meno, hanno atteso lo svolgersi degli eventi per capire se avrebbero potuto poi far comunella col “nuovo arrivato” perché il Prof, sino a che aveva i gradi di caporale ha gestito le cose in un modo, ottenendo il massimo della fiducia, ma appena eletto colonnello …

   Ma allora era diventato troppo tardi, la situazione era sfuggita di mano, la macelleria sociale era partita a gran carriera …

   Giudicate Voi da come si presenta orgogliosamente millantando la convinzione di poter esigere ulteriori pingui gabelle anche dopo aver messo in ginocchio l’Italia posponendo la sopravvivenza del Paese a dei crediti verso i suoi “vecchi amici” e soci in affari di Oltr’Alpe.

  Nel mio piccolo, io, da uomo della strada non credo in tutte le paventate grandi capacità di economista di Monti, e tantomeno di quelle di Leader XXL, ma si sa, per quel che conta il mio pensiero …

   E pensare che sarebbe stato sufficiente, i conti tornano, prendere in mano la lunga e dettagliata lista degli sprechi di Stato, dei privilegi assurdi concessi oltre ogni ragionevole limite sociale di decenza, delle spese superflue, di tanti vitalizi vergognosi concessi per Legge a tante cariatidi che non fanno un cazzo da mattina a sera ma possono dire … il secolo scorso io ho ricoperto quella importante carica e d è giusto e doveroso che oltre allo stipendio mensile e ad altri mille privilegi percepisca mensilmente quanto mi sono programmato con Leggi apposite ad personam: tutti uguali questi probiviri dalla faccia di bronzo, e poi tutti ce l’hanno su col Silvio nazionale come fosse stato l’unico a tirar acqua al suo mulino …

   Almeno lo Stato pagasse alla gente per bene, scandalosamente sua creditrice inevasa da anni, i debiti accesi in casa propria.

   Ok, Monti è stato bravo a ripristinare la stima dei creditori esteri (vorrei ben vedere, con i soldi che ha fatto tirar fuori ad un Popolo intero che ha dovuto dare fondo persino agli onesti risparmi di una vita) ma non poteva, da equanime esattore super partes costringere appunto lo Stato stesso, lui che si mostra così ligio a certe etiche, ad onorare con precedenza i suoi debiti verso i suoi stessi cittadini che poi sono gli stessi che pagando le tasse gli permettono di vivere?

   Stato inadempiente, bugiardo e profittatore e …

   Basta rompere gli antani col ritornello della Vispa Teresa caro Prof. e riconosci come hai ridotto l’Italia presentandoti a braghe abbassate e con la cenere sul capo al cospetto di un wurstel in gonnella invece che iniziare CORAGGIOSAMENTE per primo, come conviene ad un vero Leader, a dichiarare assurda, improponibile e soprattutto irrealizzabile la tempistica dei rientri dei debiti di Stato stabiliti in via teorica, mai sperimentata, da teorici dell’Economia fuori dal Mondo della Gente “normale”, che di normale, socialmente, come te, hanno ben poco … o anche mettendo ufficialmente in dubbio la liceità e l’eseguibilità davanti alla Germania degli impegni che tu accusi esser stati improvvidamente presi SOLO da un certo Silvio Berlusconi.

   E’ bastato che il Presidente francese dicesse chiaro e netto che se volevano i soldi della Francia, molto doveva essere rivisto in Europa, perché subito la cosa venisse ridiscussa e venissero approvate nuove remore sui tempi dei pagamenti da parte degli “inflessibili” Quadri Europei.

   E non per questo Holland è stato accusato di essere un pessimo pagatore …

   Quale è il merito del saggio tutore che per far pagare ogni debito della famiglia che amministra la fa morire di fame sottraendole persino gli strumenti per sopravvivere onestamente mentre continua ad onorare nel tempo il debito, invece di mettersi personalmente in gioco, se si sente così responsabile, DIFENDENDOLA con la lancia in resta, con la propria faccia e la propria reputazione per salvare la sua situazione economica pressante?

   Come fare se no per le prossime tranches di pagamenti se ogni forma di solvibilità è stata prosciugata e compromessa?

   Altro che il nuovo Salvatore, quello Vero era nato nella culla di una stalla ma nella Sua vera, immensa, gloriosa e regale semplicità, non certo come chi ha avuto tutto il tempo per capire in mezzo alla bambagia, ma è diventato vecchio senza crescere e molte cose della vita continuano a sfuggirgli perché stando per condizione sociale sempre col culetto al caldo, proprio non le ha mai né potute, né volute capire e quel che  è grave pretende di fare da maestro agli altri, a TUTTI gli altri.

   Forse qualche ora di lezione da Crozza e con un po’ di applicazione renderebbero il Professor Monti, ma non solo lui, di certo, meno antipatico.

   Senza offesa.

   E chi prenderà il bastone del comando, a giorni, rispetti innanzitutto la volontà di un Popolo intero di poter correre TUTTI alla pari, se no, a questo punto, non so proprio a quanto potrà servire anche la scorta armata più efficiente e fedele del reuccio di turno & C.

   Coraggio, tappiamoci il naso mentre guardiamo la deprimente realtà circostante e andiamo a scegliere con un voto veramente sofferto il futuro che ci parrà meno nero.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: