MA LA VISPA TERESA, IN REALTA’, DOVE E COME AVEVA PRESO GENTIL FARFALLETTA?

25 marzo 2013

3

   Bersani, adesso che l’hanno finalmente promosso in Seconda Elementare col “6-” ha riscoperto le “Convergenze parallele” di Aldo Moro, convergenze di Governo tra una Sinistra ed una Destra che comunque non si dovranno mai toccare fra di loro pena la più grave ed incurabile delle infezioni (quella dell’Intelligenza).

   La “condicio sine qua non” per il grande passo di oggi è che vengano consegnati in confezione spray i gioielli di Silvio, omettendo però di ricordarsi che la filosofia di quelle convergenze ha decretato l’eliminazione, senza alcuna pietà, di quello Statista dal ciuffetto bianco.

   Folte nebbie sulla palude Italia.

   Siamo messi proprio male, da una parte un Presidente della Repubblica che, senza offesa, sulla falsariga dei suoi predecessori, non ha mai cessato di rappresentare … con viva e vibrante commozione … l’ancora di sicurezza del Comunismo in Italia, uno dei rari Paesi che non si sono ancora accorti che il Comunismo è morto e defunto da tempo.

   Persino in Germania in cui ne hanno subito preso (volentieri) atto, e sin da quel momento i suoi mangiasego dettano Legge (per la seconda volta, anche se adesso, pare, solo economicamente) a mezzo Mondo.

   Da un’altra, un Governo di Tecnici, rappresentanti giurati ma solo del Potere Economico e della Speculazione Internazionale, che dopo un’apparente impennata di qualità, la famosa “biada” per il ruminante popolo bue, ci ha squalificato davanti al Mondo intero con la propria insensibilità sociale, col suo modo medioevale di affrontare i problemi, con uno spirito aristocratico a titolo gratuito, reazionario e ciecamente bloccato sulle virgole di regolamenti farfugliati con incoscienza epocale e di fughe vigliacche da responsabilità impellenti, l’ultima, la storia tragica dei due poveri Marò servi di uno Stato vigliacco (almeno sino a che sarà amministrato da certa gente).

   Da altre parti una convergenza di Cittadini che ormai hanno voglia solo di distruggere ogni cosa che gli sta attorno e non riescono più a distinguere tra cosa è giusto e cosa non lo è.

  Da un’altra la Stampa e i Media in genere che si stanno comportando come fa anche l’ultimo camallo del Porto di Genova quando ci sono i Mondiali di Calcio e inizia a parlarne millantando infallibilità, competenza e possesso di soluzioni sicure, insomma, come un tecnico appena uscito dagli studi universitari a pieni voti.

   Da un’altra ancora un leader che non ha ancora capito che se vuole veramente il bene del suo Paese, non gli rimane che scomparire per sempre dal palcoscenico nazionale, colpe, non colpe, non importa più a questo punto ….

   Intanto tutti questi Brancaleoni sa cavallo dei loro bardati Aquilanti declamano i propri programmi uno più uguale dell’altro mentre affermano di voler lottare per realizzare le loro idee, le uniche, le migliori … (che non sappiano leggere? Di sicuro non sanno ascoltare. E che parlino un’altra lingua?).

   E’ un Mondo di Pigmei, senza offesa per i Pigmei.

   Ma Bersani non soccomberà questa volta, i tempi sono cambiati, chi muove le leve del Potere dall’ombra ha adottato altri sistemi per togliere di mezzo ciò e chi non gli garba e sino a che lui può servire per evitare a qualcun altro di andare a picco … lunga vita al Re. 

   Sistemi altrettanto potenti e drastici ma non più cruenti e sicuramente meno appariscenti di quelli con cui certe decisioni dell’ultimo Governo hanno spinto al suicidio più di una persona, una bella lezione “privata” sul come esser efficienti nel “fai da te”.

   In Politica, poi, ci sono varie forme di suicidio volontario o “consigliato”, quello di Bersani che appartiene al primo tipo, è una delle forme più stupide, una conseguenza della propria ottusità che, paragonandolo alla truculenta avversione contadina del Peppone di Guareschiana memoria nei confronti dell’Avversario politico di sempre, Don Camillo, quello dalle scarpe larghe e cervello fino, potrebbe anche far sorridere se la gravità del momento non richiedesse ben altro atteggiamento.

   In questi giorni confusi non so più se considerarmi figlio di nessuno o figlio di puttana, di sicuro intanto vado a ripassarmi la storia della Vispa Teresa che aveva “preso”gentil farfalletta.

   Beata la Vispa, prendere una farfalletta ogni tanto, ma solo ogni tanto, la si può anche prendere …

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: