AMO IL PROSSIMO MIO (… quando riesco a trovare quello vero) COME ME STESSO

28 giugno 2014

occhi

Ieri mi hanno sottoposto ad un esame clinico abbastanza sofisticato a causa di un problema alla vista probabilmente latente da tempo ma di cui stranamente non mi ero ancora mai reso conto.

Un disturbo che generava piccole distorsioni ottiche che si è manifestato senza alcun preavviso nonostante la sua causa possa risalire a qualche mese fa quando durante un’escursione in montagna il ramo di un pino inavvertitamente spostato da chi mi precedeva nel bosco e così “caricato a molla”, poi lasciato tornare di scatto indietro, mi ha colpito violentemente sul volto e qualche ago mi ha ferito entrambe le cornee abbastanza in profondità.

Ma non è detto che la causa del disturbo, che è stato correttamente subito identificato, risieda in quell’evento: l’origine potrebbe essere stata anche un’altra, un fatto organico totalmente naturale e accidentale.

L’altro ieri, tanto improvvisamente quanto casualmente, leggendo una dispensa, mi sono reso conto che se osservavo con un occhio solo le righe stampate, le vedevo leggermente curve, serpeggianti, tipo sinusoidi.

Ottimo, ho pensato, questo ancora mi mancava visto il numero di cicatrici interne od esterne che posso vantare.

Comunque la diagnosi ricevuta mi ha rassicurato, nulla a che vedere con inizi di patologie gravi, magari di tipo degenerativo.

Più avanti vedranno cosa fare e sicuramente ricorrendo alla chirurgia se la situazione peggiora ma, almeno per il momento, con quel piccolo effetto di distorsione visiva che si verifica solo in caso di utilizzo monoculare, ci si può convivere tranquillamente.

Una interpretazione decisamente fuori dalle righe della situazione me la ha suggerita inaspettatamente una persona che ho da poco conosciuto, una donna dalla sensibilità un po’ particolare, e che sta imparando a conoscermi non senza qualche difficoltà, la capisco ….

In poche parole mi ha chiesto se non potevo pensare che il mio corpo mi stesse fornendo attraverso dei segnali fisici precisi che forse era il caso che iniziassi a fare qualche revisione sul mio modo spesso fuori dalle righe e molto poco accomodante di vedere le cose.

Inizialmente ho sorriso tra me e me, ma poi, col “senno di poi”, ho cercato di analizzare la faccenda senza discostarmi troppo dal quel sistema di valutazione più da praticante Yoga che da medico della Mutua.

Così sono arrivato alla conclusione che quelle distorsioni accusate dal mio sistema visivo potrebbero anche significare che il mio IO si sta talmente stancando in modo istintivo ed inconscio del modo di agire dei miei cosiddetti simili che ci pensa il mio organismo stesso a creare per conto suo come dei “filtri” che mi distraggano un po’ almeno visivamente da questa guerra continua, e che proprio non vorrei ,col mio “prossimo” (nove su dieci) così propenso ad essere ipocrita, egoista, pauroso, sempre in fuga dalle responsabilità, sempre violento appena pensa di essere il più forte, traditore, insicuro, ruffiano, ladro, millantatore, bugiardo, vigliacco, profittatore … e ce ne sarebbe ancora, ma per oggi basta così.

Oggi mi sento buono, ve ne siete accorti?.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: