E’ SUCCESSO UN’ALTRA VOLTA …

16 luglio 2014

ess

Già, mi è successo un’altra volta di conoscere casualmente una persona, sapete com’è, si parla, ci si incomincia a conoscere un po’ e chiacchierando del più e del meno salta fuori la fatidica domanda: … ma tu, per caso, non è che fai dei “trattamenti”? perché, sai, a pelle mi dai la sensazione che …

E poi subito dopo: … sai io avrei un problemino, non è che tu …?

Ed io, come ormai sono abituato a fare, sbagliando, lo so, la mia è notoriamente disponibilità cogliona come l’uva che porta lo stesso nome, ma tant’é, ascolto e poi offro un “assaggio” gratuito di quel che le mie mani riescono ad irradiare non senza avvisare preventivamente la persona in questione che inizialmente si potranno verificare conseguenze sia nulle (e questo è il caso in cui è meglio lasciar perdere sin da subito perché vuol dire che ha un corpo di piombo) sia positive, sia negative (apparentemente) anche MOLTO negative (ma sempre solo apparentemente).

Vai tu a far capire che qualsiasi corpo, quale più, quale meno, è in condizione di poter ricevere tutte le alchimie dei corpi che gli stanno vicino, direi addirittura che a ciò è naturalmente predisposto, figurarsi quel che può capitare quando un pranoterapeuta con tutte le carte in regola e le relative capacità naturali ben riconosciute e tecnicamente documentate, trasmette volontariamente ad un altro corpo “messaggi” che MAI potranno cadere nel “vuoto”.

Nonostante questi avvisi, elargiti SEMPRE IN ANTICIPO con dovizia di particolari e con la massima chiarezza ed onestà, la regola generale che pare prevalere è quella che queste informazioni o vengono accolte con scetticismo e pesantemente sottovalutate o del tutto ignorate di modo che quando poi quel corpo reagisce come è naturale che faccia e di solito proprio cercando faticosamente di eliminare negatività col mettersi in linea con quanto l’altro corpo sano gli ha trasmesso, diventa automatico il pensare che quell’inizio di seduta è assolutamente negativo e che sarà meglio soprassedere continuando a ricorrere a terapie anche farmacologiche che si stanno seguendo da tempo ma che anche se di bene ne fanno poco, di male proprio non se ne parla.

L’acqua fresca non ha mai fatto male, quindi …

Come dicevo all’inizio, qualche giorno fa mi è capitato per l’ennesima volta di conoscere una persona afflitta a suo dire da una serie di mali concomitanti mentre in realtà è succube di una debolezza organica e psichica generale unita a pacchiani errori alimentari vecchi di una vita, compresa una generale insofferenza a bere regolarmente acqua.

Tutto ciò ha generato uno stato di inefficienza generale a carico dell’apparato renale che un giorno si e un giorno si produce “renella” espulsa talvolta in compagnia di perdite ematiche.

Mi sono stati sufficienti pochi minuti di vicinanza con le mani, senza alcun contatto tattile con i reni sofferenti, e nel giro di ventiquattro ore si è verificato un inizio di colica accompagnata da un’emissione di renella e di urine leggermente sporche di sangue.

Quei poveri reni reclamavano “pulizia” e gli stimoli ricevuti li hanno aiutati ad eliminare senza troppi complimenti i corpi estranei ivi contenuti.

Credete che quel qualcuno mi abbia ringraziato?

Credete che quel qualcuno cercherà ancora le mie prestazioni?

Ma fa bene, c’è sempre il suo efficientisimo Medico di Base che da anni mensilmente le prescrive esami su esami e ad esser sinceri, dice lei, le pare che quando fa quegli esami subito dopo già si sente un po’ meglio …

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: