QUALCUNO CHE CI OSSERVA DA LASSU’ HA SPENTO PRUDENTEMENTE OGNI STARGATE

7 ottobre 2014

ene

Pensate ad un mondo in cui il denaro debba servire solo per l’acquisto di beni facoltativi o superflui … una libera possibilità socialmente riconosciuta senza limiti e senza farsi troppo seghe di tipo morale, moralistico, sociale o politico nei confronti di chiunque utilizzi il suo denaro con queste finalità.

Basta che la sua vita e le sue abitudini non interferiscano con le sfere altrui e che chiunque quindi sia libero di coprirsi di oro e diamanti se proprio se li può permettere e la cosa lo gratifica, poveretto, ma anche di cocaina e merde di questo tipo … così “in” di questi tempi.

Cavoli suoi, e se aragosta, tartufi e caviale e altro meno consentito che non nomino sono l’oggetto del desiderio di chi proprio non ne può fare a meno, che sia, ma che acqua, aria, cibo, spazi, diritti fondamentali parificati … siano gratis per tutti in pari misura a prescindere da qualsiasi blocco pretestuale economico, razziale, di bassa politica, di classe, religioso …

Le attuali condizioni per arrivare a dover essere costretti a realizzare questa utopia non sono poi così lontane dalla realtà se si desidera che l’Umanità sopravviva a se stessa, ma comincio a pensare che sia proprio questa sopravvivenza un’utopia.

Infatti i veri beni primari stanno diminuendo in misura esponenziale poiché sono in stretta proporzione con l’aumento della popolazione umana sulla Terra mentre denaro e potere di acquisto che li rendono automaticamente disponibili sono finiti nelle tasche di pochi e molti di questi beni che sembravano infiniti li ha deteriorati e ridotti proprio la cecità egoista dell’uomo .

E quando parlo di beni primari, ripetendomi, intendo acqua, aria, cibo …

I problemi di reperimento ed equa distribuzione di questi beni indispensabili alla vita stanno diventando sempre più critici in senso globale e se non si vuole che la gente inizi ad ammazzarsi a vicenda ovunque per una semplice questione di sopravvivenza qualcosa deve cambiare a livello mondiale anche se le pecore nere e i figli di … esisteranno sempre.

In effetti i disequilibri socioeconomici a cui dobbiamo sottostare con pochissime possibilità di riuscire a cambiare le emergenti precarietà stanno diventando sempre più insopportabili mentre i “saggi” della Terra preoccupati solo della conservazione e dell’amplificazione delle proprie ricchezze più o meno nascoste hanno trovato il sistema per relegare in poche regioni del globo le guerre più sporche eliminando da una parte che si propaghino troppo dove non gli farebbe comodo, cioè a casa loro, ma mantenendo tutti i profitti personali dell’indotto della vendita delle armi che producono e sin che ci riescono, della gestione delle energie, che tradotto in termini terra terra significa solo Potere.

Non a caso le nostre automobili superinquinanti devono continuare a funzionare utilizzando benzina o diesel anche se chi di dovere e che da noi arricchito senza soluzione di continuità da tempo ha già pronti i progetti per altre forme di energia, si guarda bene dal tirarli fuori perché così perderebbe ogni profitto dai mercati di gas, carbone e petrolio.

Ma non esistono le auto elettriche, direte?

Certo, ma ti devi sempre attaccare alla spina della corrente per ricaricare in continuazione le batterie e questa forma di energia spesso e volentieri è generata non solo con l’utilizzo delle centrali idroelettriche ma anche di quelle a carburanti vegetali.

Una spirale infinita ed infame.

E la soluzione dell’energia nucleare è troppo pericolosa vista la nostra attuale incapacità tecnologica di tenere sotto vero e totale controllo il sistema.

E pensare che siamo circondati dalle più elementari forme di energia come luce ed acqua …

Intanto la gente che si guarda sempre più in cagnesco aumenta ma anche se tutti sono pronti ad inorridire al solo pensiero di una terza guerra mondiale, non è poi che si sbattano così tanto per cimarne i “germogli” e non mi stupirei se la situazione potesse precipitare improvvisamente per merito del solito cerino acceso imprudentemente da un cretino, come la storia ricorda, proprio a due passi da un lago di benzina.

Per fortuna che chi detiene la ricchezza non è motivato a lasciare che ciò possa capitare ed i controlli che esercita sul sistema a tutela dei propri interessi offrono una tranquillità relativa.

Eppure dovrebbe aver imparato che anche il bunker più inespugnabile in cui scappare per ripararsi e di solito di proprietà dei più ricchi e potenti, offre protezioni solo teoriche.

E allora?

Allora … ragazzi, che voglia di trovare uno Stargate ancora acceso e di scappar via.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: