CHI ROMPE ….

17 dicembre 2014

m

Nel mio piccolo sono fermamente convinto che la “crisi” che tutto il Mondo sta attraversando, dove di più, dove di meno, anche dove vengono gelosamente conservate tutte le ricchezze accumulate a discapito di intere comunità depredate anche dell’essenziale e mentre apparentemente per le società di statistica tutto o quasi fila liscio senza grossi traumi per le solite “classi di mezzo”, questa crisi è essenzialmente una crisi di valori ancor prima che economica, sociale e politica.

Facendo finta di essere veramente interessati a trovare soluzioni, è poi inutile e pure offensivo, da truffatori di mestiere girare a vuoto attorno al problema nei talk show, nei tavoli di discussione ai più alti livelli e nei centri di Potere o anche solo in famiglia se non si ha il coraggio di riconoscere che è il sistema che si è venuto a consolidare in questi ultimi anni che non funziona, non può funzionare, non solo, e che presenta dei lati estremamente pericolosi perché quando la gente arriva alla disperazione mentre osserva chi se la gode come se nulla fosse, le conseguenze possono essere estremamente violente ed incontrollabili.

Un sistema che invita a volere di tutto e di più in progressione continua, a qualsiasi costo, un sistema che pare offrire sicurezze solo se si possiede un portafogli a fisarmonica,

In effetti si ha la sensazione che chi di dovere STIA FACENDO DI TUTTO TRANNE CHE AFFRONTARE REALMENTE I PROBLEMI, almeno quelli più reali ed urgenti.

Poi quando uno intravede una soluzione valida almeno per se stesso, anche nel più piccolo e individuale, tipo “posto fisso e sicuro” sul lavoro, una volta conseguitolo, dopo i primi entusiasmi, chi non inizierà a rallentare i propri ritmi operativi … tanto lo stipendio arriva a fine mese e nessuno te lo può togliere …?

E se sbagli, pazienza, qualcun altro pagherà, non certo tu che appartieni alla categoria degli intoccabili.

Prove ne sia il comportamento di intere sezioni di “Lavoratori del Pubblico Impiego” e comunque di chi ha fatto del sistema un veicolo perfetto per concludere poco e non pagare se sbaglia.

E lasciamo perdere i continui latrocini di chi maneggiando troppo denaro finisce per ritrovarsene miracolosamente attaccata una parte anche considerevole.

Eppure nel casino del malcostume generale abbiamo tutti di fronte un esempio di incredibile efficienza che tra l’altro paga parecchio e senza troppe discussioni, un esempio di meritocrazia adeguatamente premiata sinché uno rimane nei ranghi di ciò che gli è stato ordinato o concesso dall’alto.

Credete che stia vaneggiando?

No.

Ma allora perché non seguire questo esempio “organizzativo”?

Giusto, ma quale è questo “esempio”?

Elementare, quello dei mondi della malavita che non sono pochi, sono ottimamente organizzati e infiltrati ovunque e che potendo utilizzare fiumi, oceani di denaro possono ambire a qualsiasi cosa, almeno sinché ci sarà qualcuno che si farà comperare o che, timoroso di qualche ricatto, avrà da nascondere nell’armadio qualche cadavere molto scomodo.

Nel mondo della malavita chi non obbedisce viene eliminato.

Chi se ne approfitta viene eliminato.

Chi sbaglia o commette scorrettezze viene eliminato … e così via.

Una semplice legge di Selezione Naturale, quella famosa per cui è solo il più forte a sopravvivere e a dettar legge.

Forse sarebbe il caso di rivedere qualche nostro convincimento, soprattutto sul concetto di Democrazia e su quanto essa consente a chiunque se ne voglia approfittare senza mai dover pagar pegno di persona.

Altro che la sparata di qualche buffone di corte che ha stabilito di promulgare una legge per cui d’ora in poi chiunque ruberà dovrà restituire il maltolto … perché?

Non era già così sin da Adamo ed Eva?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: