INTRANSIGENZA

10 aprile 2015

intSempre più spesso si verificano fatti gravi di cui solo un cieco volontario non vuole riconoscere i meccanismi attivatori.

Sto parlando dell’INTRANSIGENZA, quella posizione personale che spessissimo è alimentata dalla convinzione della propria superiorità, o di quella che il Sistema ci consente come diritto insindacabile, in cui ci si gestisce da giudici, in cui si dice di voler applicare ad ogni costo la legge scritta, spesso anacronistica o basata su criteri vecchi come il cucù, anche perché è sicuramente molto gratificante potersi imporre come protetti dal Sistema stesso, come intoccabili esecutori della tutela di ogni tipo di regola anche della più cretina e meno giusta in quel caso specifico.

Ma a ben vedere, certe regole se le sono date gli uomini stessi in nome di un Ordine generale spesso considerando le cose solo da un punto di vista teorico, tecnico, concettuale e spersonalizzato e ciò che può esser valido nei confronti di dieci individui su cento che si comportano scorrettamente e devono assolutamente essere bloccati nelle loro azioni, per i rimanenti 90 rivelano la loro natura di vere e proprie ghigliottine sociali che se non totalmente ingiuste sono sicuramente esagerate in rapporto alle sanzioni che vengono comminate in nome di un Diritto superiore.

Sì. perché il nostro ordinamento prevede leggi vecchie di secoli e tra l’altro nate solo per esigenze contingenti ormai superate.

Ed è così che subentrano le complicazioni generate dall’intransigenza di chi ha occhi ed orecchie solo per l’applicazione più burocraticamente rigida di tutte quelle Leggi, leggine, regolamenti e codicilli dei sistemi come quello italiano in cui molto frequentemente si trovano leggi che messe a confronto dicono l’una una cosa e l’altra il suo esatto contrario.

E dato che è potere di una ridotta schiera di professionisti “interpretare” secondo quanto gli viene dettato dal proprio cervello ma sempre da dietro a quello schermo protettivo che lo Stato gli consente per diritto inalienabile e purtroppo sempre indiscutibile, non è raro che, dato che si tratta sempre di uomini e non di semidei infallibili, non è raro che ad ingiustizia si assommi altra ingiustizia pur rimanendo nei termini della buona fede di chi purtroppo dall’alto della sua intransigenza a norma di legge si gestisce con la stessa apertura mentale di una statua di marmo pronto però sempre a sciogliersi quando ci vanno di mezzo fatti personali o situazioni che complicano un coinvolgimento.

Non sempre, lo so, purtroppo però questa è la realtà quotidiana e gli effetti si vedono e mai dimenticarsi che anche se mille e uno sono i giudici che proteggono i nostri diritti e sanno tutto su ciò che è o non è giusto, merda non è solo quella che a prima vista puzza..

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: