SESSO che sempre affiora … e comanda (2)

9 giugno 2015

33

Giorni fa mi ha molto interessato una puntata della trasmissione FORUM in cui una donna, ex moglie felice e da anni ormai separata, intentava una causa per risarcimenti generici nei confronti dell’ex marito che, un tempo, sempre meno motivato dalle molto più che probabili “stanche “ sessuali della donna, o anche per problemi suoi di esuberanza sessuale, prima aveva cercato sfogo extra coniugale con altre femmine, poi, forse anche per cercarsi degli alibi, le aveva proposto qualche rapporto a tre ma, inaspettatamente per lei, non con un’altra donna bensì con un altro maschio.

Forse il povero trottolino (in milanese:pirla) anche nel tentativo di dimostrarle che a prescindere dal sesso di appartenenza, quando i sensi urlano, i sentimenti c’entrano poco ed ogni sfogo più o meno lecito secondo la morale corrente, può esser salutare, gradito e liberatorio partiva dal presupposto tutto suo che la libido femminile e la sua Psicologia seguono i medesimi iter di quella maschile.

Non solo, ma per lui, povero maschietto normotipo a cui una volta sessualmente appagato è sufficiente riallacciare la patta dei pantaloni per subito pensare ad altro, quand’anche apparentemente maschio e femmina a letto hanno comunicato e agito in sintonia, più che altro corporalmente, qualunque sia stato l’esercizio di ginnastica Kamasutra compiuto ma in particolare quando si rompe la famosa boccia di cristallo di una sessualità sana anche se parecchio “elastica”, definiamola così per inquadrarla forse un po’ fuori dalle righe ma estranea da qualsiasi forma di depravazione o fantasia bacata, rimettere poi al suo posto il coperchio del Vaso di Pandora di quel pozzo senza fondo che è l’animo femminile non è gioco per dilettanti del sesso una volta al mese e tantomeno da segaioli con film porno.

Cosa ci si può aspettare quando per soddisfare i propri pruriti si ha fatto di tutto per far acconsentire la donna a fantasie solitamente a lei estranee?

Fantasie di cui solitamente la donna fa tranquillamente a meno.

Di fatto, la donna latina, che dalle nostre parti porta sulle spalle il pesante fardello psicologico e culturale, per nulla liberatorio dal punto di vista sessuale ed emotivo, della filosofia comportamentale cattolico cristiana, ormai millenaria, anche se è conscia di questa palla al piede e in cuor suo farebbe volentieri a meno di tante regole da doversi accettare per forza ma che magari rispetterebbe volentieri qualora derivate da una maturata convinzione interiore, e a cui rimane legata passivamente per una vita intera, la donna finisce per vedersi infilata a forza in quella gogna che impone convenzioni dai più definite morali ma non sempre accettabili da parte di una mente libera e per nulla bigotta.

E quando si rende conto che dopo aver magari trasgredito a certi schemi non succede nulla, non muore nessuno, non arriva nessun terremoto, anzi, quasi quasi, perché non averci pensato prima? … e qui non continuo … chi la ferma più?

Perché questo può capitare anche se per anni è stata condizionata dalle convenienze sociali ad essere partecipe involontaria e resa automatica di una visione della vita sessuale femminile più al servizio di quella maschile e di quella di un certo tipo di rapporti con l’altro sesso e consacrata con pretesti morali solo a determinate condizioni talvolta artatamente cieche, non di certo per un innalzamento etico-culturale oltre che corporale della Donna che le possa offrire parità e dignità ANCHE nel rispetto delle sue diversità psicologiche, fisiologiche e genetiche.

L’attuale florilegio in crescita esponenziale della omosessualità maschile, a pensarci bene, non è escluso che sia un sintomo importante e pressante, una riprova abbastanza logica che l’uomo “moderno” medio non si sente più molto motivato a mettersi a confronto con l’altro sesso per cercare di comprenderne esigenze, spirito, meccanismi … anzi, finisce talvolta per cercare disperatamente di emularlo travestendosi per scimmiottarne le sembianze esteriori e poi anche quelle interiori (?) e caratteriali, ma mantenendo dentro di sé in fondo al profondo pozzo del suo io il segreto timore di doverla affrontare in quel “tete a tete” soprattutto psicologico che lo terrorizza avvertendo la propria inferiorità.

Sì, ho parlato di inferiorità genetica, se non fosse perché senza il maschio ancora non si riescono a riprodurre artificialmente gli spermatozoi, del maschio se ne potrebbe tranquillamente fare a meno nel 70% dei casi, se non di più.

Il corpo poi si sa, con i suoi processi ormonali soprattutto chimici, e sempre automatici, prima o poi si mette in riga adeguandosi con quanto il cervello comanda (e non sempre si tratta di “comandi” naturalmente corretti) interpretandolo come giusto e normale (come dicevano?… la funzione crea l’organo …) soprattutto quando sin da piccolo non ha ricevuto le corrette istruzioni per l’uso anche corporale di se stesso col perbenistico e coglione pretesto di offrire una libertà incondizionata che libertà non è ma incensando lo stupido convincimento che ogni regola debba esser vista dall’adulto maturo come gratuitamente limitativa a qualsiasi età, in qualsiasi situazione … e così si fanno crescere solo dei cani sciolti.

In realtà Madre Natura ogni tanto si sbaglia, sempre più condizionata da un ambiente violentato ad ogni livello dall’uomo e finisce per imprigionare di tanto in quanto, ma sempre maggiormente, un animo femminile in un corpo maschile, e viceversa.

Ma questa non è la norma di quanto sta accadendo nella società umana e checché ne dicano i direttamente interessati, è disonesto confondere quelle manifestazioni della propria sessualità che Madre Natura non aveva programmato in un certo modo per la continuazione della Specie, la vera motivazione di ogni pulsione sessuale, con quei processi di onesta e coraggiosa indagine interiore volti alla sincera rivelazione della propria natura, unica condizione per raggiungere e mantenere il proprio equilibrio in seno al proprio ambiente sociale.

Tra l’altro, la conformazione fisica e i bioritmi del corpo femminile, al contrario che nel maschio, decisamente invidiabili rispetto a quella maschili, e mai emulabili artificiosamente da nessun uomo anche con le tecniche chirurgiche più raffinate, consente alle donne (che lo vogliono) di dissimulare facilmente o addirittura celare nelle sue espressioni apparenti qualsiasi livello di “interesse” e di eccitazione sessuale, sino ad arrivare sia a fingere sia addirittura a celare l’orgasmo, e NON sempre il loro comportamento esteriorizzato, appunto, rispecchia fedelmente quanto invece sta accadendo all’interno di quei corpi e di quelle menti che di conseguenza si possono gestire anche sessualmente come un maschio mai potrà.

Per un corpo “LIBERATO o già di suo LIBERO” conservare una mente “casta” anche se di orientamento omosessuale è una realtà sicuramente possibile e non significa negazione delle proprie pulsioni sessuali di parte, incriminazione di desideri particolari come immorali o peggio ancora amorali, ma giusto equilibrio, quella situazione psicologica che fa nascere e crescere dei sentimenti veri, base indispensabile per la vita di coppia.

E quando ciò capita nasce naturalmente il desiderio di coronare a tutti i costi quelle scelte di vita con l’acquisizione ad ogni costo di figli che naturalmente non potrebbero mai arrivare nel proprio microgruppo sociale che è un non senso ideologico a chiamarlo famiglia.

Io non posso fare a meno di osservare come ad ogni livello in Natura tutte le cariche elettriche di valenza uguale si respingono fra di loro e solo quelle di valenza contraria si attirano creando tutta una sequenza ed una liberazione di Energie che altrimenti non potrebbero verificarsi,

Anche nel corpo umano qualsiasi attività, soprattutto motoria, dipende proprio dalle reazioni chimiche e fisiche attivate all’interno del nostro organismo da”cariche” elettriche di segno diverso generate da reazioni chimiche, non lo sapevate? e se ciò non fosse il nostro corpo giacerebbe irrimediabilmente immobile.

Per qual motivo negare la funzione naturale di due poli di segno differente che si incontrano, si affrontano e anche si scontrano ma sempre per ottenere quei risultati che Madre Natura ha così programmato senza deroghe di sorta?

Mai sentito parlare di yin e yang?

Non ve lo hanno mai spiegato che +1 con -1 non si annullano facendo 0 ma generano A, B, …… X, e che tutto dipende solo dal contesto in cui si incontrano?

Intanto nulla e nessuno cerca di smantellare quella specie di muro di Berlino che pare innalzarsi ogni giorno di più e crea e alimenta tante incomprensioni tra maschio e femmina a prescindere dai rispettivi reciproci torti o ragioni.

Soprattutto se sin da piccoli non si viene educati a non fuggire davanti a ciò che non si conosce perché tanto c’è papà o mamma che ti risolvono ogni problema … sino a quando, ai primi accenni di “crescita” non verranno messi in discussione se non addirittura ripudiati proprio loro stessi … nei piccoli devono venire alimentate fantasie vere, non pruriti, quel desiderio di conoscenza e di confronto che nessun telefonino o videogioco potrà mai stimolare …

Intanto siamo sempre più circondati da scempi contro natura, dentro ed attorno a noi, dai cambiamenti climatici causati dalla presunzione umana che appena può sfrutta tutto ciò che gli sta attorno senza il minimo rispetto delle logiche più evidenti che da sempre avevano consentito al nostro pianeta di vivere e crescere, al mare di intolleranze ed allergie che affliggono sempre di più le nuove generazioni, all’allungamento della vita che spesso serve solo a farci morire marci di cancro.

Tanto, per la continuazione della specie, dicono, nessun problema, così come il genere umano che pare abbia altro poco da fare oltre che a scopare, ad ammazzarsi a vicenda, a imbrogliare e rubare, e che come si è inventato le droghe sintetiche per le sue fantasie focomeliche, già ha trovato il sistema per far nascere i suoi cuccioli in provetta … o giù di lì, e pure convinto di riuscire a selezionare la razza come pensava di poterlo fare nonno Adolfo con i suoi ridicoli baffetti e i capelli imbrillantinati.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: