ANCHE LE FORMICHE SI INCAZZANO

29 novembre 2015

0031

Io credo che sia impossibile quantificare quanti esseri umani vengono uccisi ogni giorno sulla faccia della Terra, chi per una ragione, chi per l’altra, e con una notevole varietà di sistemi, dai più tecnicamente sofisticati a quelli fai da te, andando dai proiettili ad Uranio impoverito et similia alla decapitazione, allo squartamento dopo lo stupro, alle camere a gas, all’inumazione di corpi vivi e si potrebbe continuare …

Per non parlare dei Sistemi sociali ultracivilizzati che non si sporcano mani e coscienza decretando una fucilazione ma ti mettono in condizioni che solo col suicidio ne puoi uscire salvando dignità e, non sempre, la salute delle persone a te legate, come se già non bastasse succhiarti ogni risorsa costringendoti in una povertà ed in uno stato di indigenza tali che non se ne può più uscirne, mentre molti, troppi figli di papà, papà e mamma compresi, se la spassano allegramente alla faccia di chi si dispera perché non ha nulla da dar mangiare a suo figlio.

La Democrazia è un sistema che funziona bene quando tutti sono ricchi … ma a quel punto anche tutti gli altri sistemi, anche quelli autoritari nell’anima e la mascherina sorridente sul muso, potrebbero farcela, non credete?

E così, un bel giorno, a furia di vedersi circondati da malversazioni, ruberie, ipocrisie, violenze vere e proprie, capita che anche le pecore si mettano a ruggire e non ne vogliano sapere più di quei sistemi chiamati democratici che già hanno generato selezioni troppo discriminanti in seno all’umanità ed aperto dislivelli sociali paurosi nonostante tante belle premesse visto che l’onestà è una malattia rara.

Capita che anche le formiche si incazzino, e, come ben sapete, la logica delle formiche che sono tante, tantissime ed a cui, dato che hanno ben poco da perdere e molto da vendicare e rivendicare, se qualcuno gli va a calpestare il formicaio, non frega più di tanto che qualcuna di loro ci lasci la pelle per strada difendendo diritti e territorio.

Tutti necessari, indistintamente, ma nessuno indispensabile, tutti votati alla salvezza della Grande Madre, grande concetto di dedizione sociale.

E poi, cosa fare se si possiede solo il fucilino, qualche stinger ed un po’ di esplosivo generico da contrapporre a missili che ti piovono sulla testa dal nulla mentre qualcuno piglia la mira dall’occhio di un satellite, o anche se sei alla mercé di manovre politico-economiche di bassa tattica che ti strangolano ogni tipo di sussistenza?

Cosa fare anche se quello che ti fornisce di nascosto questi pochi ma efficienti mezzi di ribellione, perché davanti al mondo non può permettersi tanta sfrontatezza agendo allo scoperto, cosa fare nei suoi confronti se anche questo vive nelle agiatezze ed anche di più rispetto all’odiato nemico mentre yu continui a nuotare nella m… ma sotto sotto ha la pelle del tuo stesso colore e cane non può mangiar cane ? (nei confronti delle manovalanze si sa, questa legge non conta, è tutta un’altra storia … in quel caso anche il massacro “dimostrativo” diventa lecito).

Cosa fare contro all’odiato nemico (il famoso cane infedele) per destabilizzarne le certezze, emarginarlo, renderlo inoffensivo anche a casa sua, se non cercare di generare in lui terrore e sensazione di impotenza nonostante tutte le sue possibilità?

Adesso poi che anche i ragazzini sanno strimpellare sulle tastiere dei Pc, e tutti hanno imparato dalla Pubblicità e dai sistemi informativi dei Media come si devono far girare le cose quando si vogliono offrire certezze che più che certezze sono fantasie, le famose “formiche” sono entrate in possesso di una delle armi più pericolose, quella che tramite Internet e video offre di tutto e di più senza che nessuno riesca a contenere tale forza d’urto sia nel bene che nel male.

Mai noi, persone civili e sicure della nostra innocenza, della nostra buona fede, della bontà dei nostri messaggi che inizialmente però, non dimentichiamolo, qualche secolo fa e non solo, viaggiavano sul filo delle lame di spada, a partire dal tempo delle Crociate per poi giungere sino ad oggi dove i buoni per convincere i cattivi a mollare gli tirano in testa non una, ma due bombe atomiche, noi, gente civile e ancora abbastanza lontana dal nucleo del fuoco della rivolta, noi, abbiamo trovato il modo di reagire a tanta infamia: noi ci indigniamo e subito dopo, commemoriamo mentre le Bande musicali suonano coi loro tromboni quegli Inni che da troppo tempo non riescono più, almeno loro, sull’onda dell’emozione, a scuotere veramente le coscienze.

E poi in una cornice da festa macabra organizziamo funerali di Stato come quello per una povera crista che si è trovata suo malgrado nel mezzo di una sparatoria gestita dalle famose formiche incazzate, ma che dell’eroina proprio non ha nulla, e tanto lutto, tante lacrime per tutta la Nazione pronta solo a piangersi addosso, come sempre, mentre se ne sta a piede libero anche l’ultimo dei bastardi che senza patente e “fatto” di chissà cosa ha ammazzato investendola con l’auto una povera ragazzina che passava di là e di cui nessuno tra una settimana parlerà più.

E’ proprio questo Sistema che qualcuno detesta e ha iniziato a combattere apertamente, commettendo però anche crimini ben peggiori, che in definitiva inizia a preoccupare non poco anche tutti noi benpensanti e pacifisti … pacifisti … sino a che … ed è inutile negare che ne abbiamo le scatole piene anche noi a casa nostra e non è certo la parola di qualche politico ben incravattato che ci può far cambiare idea.

Mentre tutto inizia sempre meno silenziosamente a cadere nel baratro delle ingiustizie, della cattiveria, dell’orrore, della legge della forza.

Peccato che la soluzione di tutto si trova in un mondo lontano, un mondo in cui parole come soldi, potere e armi sono totalmente sconosciute e dove, per Amore, ognuno per la sua strada e nel rispetto delle sue idee, ognuna pari alle altre, tutti collaborano per costruire un tempo migliore e a rendere onore al quel po’ di Natura Divina che gli rimane.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: